Posted in Spettacolo
20 Novembre 2018

Una donna poliamorosa sta organizzando l’©rgia più grande del Mondo. Ecco le regole per i partecipanti:

Le persone poliamorose. Per chi non lo sa, esistono alcuni soggetti che fuggono dalla monogamia, ovvero l’amore verso una sola persona. Una persona poliamorosa ha più relazioni contemporaneamente e spesso sta insieme a persone che fanno lo stesso. Si tratta di una percentuale molto bassa, eppure esistono.

Record mondiale?

Una di loro, la 29enne Pearl Derrie, sta portando questo tipo di approccio al livello successivo. La donna sta organizzando la più grande ©rgia di sempre. Derrie vuole battere il record precedente, stabilito in Giappone, di 500 partecipanti. Nelle sue intenzioni, ci saranno 1000 persone, quindi il doppio. In quanto poliamorosa, la 29enne ha un fidanzato, Dan Patrick, e una fidanzata, Tomi Tailey. Entrambi i partner hanno dichiarato di non aver alcun problema circa la sua partecipazione all’evento che sta organizzando. Pearl vive a Denver, USA, e si guadagna da vivere come organizzatrice di eventi. Ora sta provando a mettere su la più grande ©rgia di sempre. La data e il luogo in cui avverrà al momento sono segreti. O meglio, sono conosciuti solo dalla “sex positive” community.

Una vita da poliamorosa

A chi le chiede perché è poliamorosa, la donna risponde: “Non potrei immaginare una sola persona che mi soddisfi completamente, intendo ogni necessità fisica ed emotiva, per il resto della vita. Per questo mi trovo perfettamente a mio agio in quanto poliamorosa”. Per quanto riguarda il suo rapporto con il partner: “Dan è umano e capisce le mie necessità. Entrambi siamo contenti quando sappiamo che i nostri bisogni sono stati soddisfatti completamente”. Chiaramente a un evento come quello che vuole organizzare c’è bisogno di controlli strettissimi. “Ogni 6 mesi faccio un test per le malattie e le infezioni. Per far sì che le persone non perdano il controllo, accettiamo solo chi viene con un partner. In questo modo, se qualcuno beve troppo, avvertiamo il suo partner di prestare attenzione. Nessuno può registrare quello che succede. Abbiamo imposto un divieto totale per cellulari o altri dispositivi di registrazione”. Infine quando le chiedono perché ha voluto organizzare la famosa ©rgia, lei risponde: “Non so come andrà a finire. Voglio far parte di qualcosa che io considero storico per la comunità ‘positive’. Spero che sempre più gente come noi capisca che non c’è niente di male e che non sono soli!”

Ti è piaciuto questo articolo? Metti Mi Piace!
e Condividi