Posted in Gossip
2 Novembre 2018

Tutti lo ricordiamo come il gladiatore, ma oggi ha le sembianze di Babbo Natale. Ecco come si è ridotto Russell Crowe

Se c’è una cosa che accomuna tutti, uomini e donne, ricchi e poveri, belli e brutti, è il tempo che passa. È l’unica costante in un mare di variabili. Ognuno di noi quando si guarda allo specchio e pensa al suo aspetto di qualche anno prima nota i segni del tempo. C’è chi invecchia “bene” in un certo senso e chi “male”. Ci dispiace ammettere che Russell Crowe appartiene a questa seconda categoria.

“Al mio segnale…”

Per chi non lo sapesse, stiamo parlando del “Gladiatore”, colui che ha interpretato Massimo Decimo Meridio, in Italiano doppiato da Luca Ward. “Al mio segnale, scatenate l’inferno”, insomma. 18 anni fa il film diretto da Ridley Scott ha fatto il boom di incassi ed è entrato a pieno titolo anche nella cultura popolare italiana. All’epoca le donne eterosessuali impazzivano per Russell Crowe. Ma sono passati quasi 20 anni e l’attore è invecchiato piuttosto male. A 54 anni, quindi non proprio anziano, nel prossimo film al posto di Massimo Decimo Meridio potrebbe impersonare tranquillamente Babbo Natale. L’attore è stato ospite a Roma qualche tempo fa per la presentazione de “Il Gladiatore in concerto”, un evento di beneficenza che si è tenuto al Colosseo. Qualcuno non l’ha riconosciuto: il Gladiatore era ingrassato (non poco) e aveva fatto crescere una folta barba. Le donne saranno d’accordo con noi: nel 2018, almeno fisicamente, è tutto fuorché un ‘sex symbol’.

La giornata romana

Sicuramente il carisma non è svanito insieme all’ottima forma fisica e Russell ha dispensato sorrisi e selfie a tutti i partecipanti dell’evento. Ha anche fatto particolarmente felici i tifosi della Roma, brandendo una sciarpa e dicendo ad alta voce “Forza Roma!”. Lo ha accolto Marco Patrignani, CEO del Forum Music Village. Con lui era presente anche l’amico e collega Tomas Arana. Russell si è detto “contento” che “dopo 18 anni alla gente interessi ancora un suo film”, aggiungendo che tra i tanti film in cui ha recitato, proprio con Il Gladiatore ha un “rapporto speciale”. Insomma il passato non si cancella e Crowe rimarrà una leggenda anche quando il suo tempo sulla Terra sarà finito. Cio che ha fatto in vita riecheggerà nell’eternità, insomma. Ma le donne che impazzivano per Massimo Decimo Meridio dovranno mettersi l’anima in pace: Russell ha perso la forma di un tempo e ora gli rimane solo da puntare… sulla simpatia.

Ti è piaciuto questo articolo? Metti Mi Piace!
e Condividi